Anonim
THE JUNGLE BOOK movie review

Da bambino, guardando il film di Wolfgang Reitherman del 1967, mi sono innamorato di Mowgli, il cucciolo di uomo, che viveva la vita di un animale selvatico in una foresta scura e profonda. E ora, l'epica avventura Disney di Jon Favreau dal vivo, The Jungle Book, fa rivivere il giovane eroe, reinventato per il pubblico di oggi.

Il film dà un nuovo significato al concetto di 3-D e vale la pena aumentare il prezzo del biglietto. Attira il pubblico nel ventre della foresta, con alberi verde intenso che premono tutto intorno a loro e la fauna selvatica si riversa sullo schermo. Proprio come Mowgli (Neel Sethi), gli spettatori saranno spinti in una visione in prima persona, sentendosi come se strisciassero sul suolo della foresta mentre vivono secondo le regole della foresta.

La trama del film rimane vicina al film d'animazione del 1967: un bambino umano, Mowgli, viene abbandonato in una foresta. Bagheera (Ben Kingsley), un leopardo nero, lo consegna a un branco di lupi che lo adotta. Shere-Khan (Idris Elba), una tigre malvagia, esige l'uomo-cucciolo per se stesso. Ma i lupi bandiscono Mowgli in un villaggio-uomo quando la tigre diventa assetata di sangue. È tutto sorprendentemente familiare, ma fresco e vibrante allo stesso tempo.

Ciò che è diverso in questo adattamento della storia è il lento sviluppo di Mowgli quando diventa maggiorenne affrontando la foresta pericolosa da solo. Descritto attraverso atti di coraggio e sacrificio di sé, il libro della giungla di Favreau è una vera storia di scoperta. Per Mowgli, si tratta tanto di scoprire l'umano all'interno dell'animale, quanto di l'animale all'interno dell'umano.

L'emozione è al centro di questo racconto. Paura, amicizia, potere, amore, onestà, tradimento e gentilezza sono tutti sentimenti che i bambini, insieme a Mowgli, impareranno a distinguere.

Alcune scene potrebbero essere un po 'intense per gli spettatori più giovani. Come in un caso in cui Kaa (Scarlett Johansson) il serpente ipnotizza Mowgli, avvolgendolo strettamente attorno a sé mentre vomita una storia agghiacciante della tragica morte di suo padre. Ma nel complesso il film offre un'esperienza visivamente sbalorditiva e piacevole.

Complimenti speciali vanno ai doppiatori, tra cui Bill Murray (Baloo) per la sua giocosa interpretazione di un orso birichino e Scarlett Johansson (Kaa), il cui sibilo sembrava innegabilmente minaccioso e letale per tutto il film.

La cinematografia simile alla pittura di Bill Pope colora la narrazione dall'inizio alla fine. Le tele scure dipingono una trama realistica nella foresta, evidenziata da colori contrastanti come il rosso e il giallo. Questo trattamento dona al film un'atmosfera oscura, ma proprio come la serie di Harry Potter trasmette lo splendore della vita attraverso una lotta contro le forze oscure, The Jungle Book ne celebra l'abbondanza.

Il film porta l'uomo al livello della bestia. Entrambi vivono alla pari - una lezione importante per i bambini da imparare. In effetti, l'intero film farà sentire i bambini come se vivessero in un villaggio di animali con personalità uniche, non solo creature parlanti. Nel complesso, The Jungle Book è un must-watch, pieno di bestie seducenti di tutte le forme e dimensioni. Ma alla fine, non è la dimensione della bestia che conta, è credere nel nostro valore che ti renderà re della foresta.